A 100 giorni dalle Olimpiadi

Amnesty International Brasile ha rilasciato una dichiarazione il Mercoledì 27 aprile denunciando le uccisioni per mano della polizia nelle favelas, a 100 giorni dai Giochi Olimpici.

Secondo l’organizzazione, i suoi abitanti vivono in un “clima di terrore”.

Dall’inizio del mese, secondo l’organizzazione, almeno 11 omicidi con arma da fuoco sono stati commessi dalla polizia. Una delle vittime era un bimbo di soli cinque anni, ucciso nella favela di Magé.  Le altre vittime sono state registrate nelle Comunitá di Acari, Manguinhos e Jacarezinho.

Lo scorso anno, solo nella capitale, 307 persone sono morte – un quinto di tutti gli omicidi commessi in città.

Ma le autorità locali, denuncia Amnesty, non hanno perseguito i responsabili e sembrano “sempre più intolleranti con le manifestazioni, per lo più pacifiche”. “Molte persone sono state gravemente ferite da proiettili di gomma, granate e armi da fuoco “, conferma Atila Roque, direttore esecutivo di Amnesty International Brasile.

Pare che lo slogan sia “Sair atirando primeiro e perguntando depois” (Prima esci sparando, e poi fai domande ndt“).

Secondo il comunicato, “Gli organizzatori delle Olimpiadi e le autorità dovrebbero lavorare per garantire che le operazioni di polizia non violino i diritti umani. Speriamo che la polizia di Rio adotti un approccio preventivo, invece di andare a caccia prima e fare domande dopo”. I casi di uso eccessivo della forza, infatti, sono aumentati esponenzialmente nella cidade maravilhosa durante gli ultimi anni e la maggior parte delle vittime sono giovani di colore provenienti da zone emarginate.

Nel 2014, l’anno della Coppa del Mondo, la polizia ha ucciso 580 persone nello stato di Rio – il 40% in più rispetto al 2013. Questo numero è cresciuto ancora di più nel 2015, salendo a 645 morti. “Anche se non è possibile stabilire una relazione diretta tra l’aumento delle vittime ed i preparativi dei Giochi Olimpici, le statistiche mostrano chiaramente che l’uso della forza eccessiva, la violenza e l’impunità sono sistematiche nelle istituzioni responsabili della sicurezza pubblica”, ha confermato la nota.

Nel mese di agosto 2015, Amnesty International ha pubblicato un rapporto intitolato “Hai ucciso mio figlio: omicidi da parte della polizia militare a Rio de Janeiro”, che illustra in dettaglio le pratiche di polizia nella favela Acari dopo la Coppa del Mondo del 2014.

Amnesty International ha rilevato che la maggior parte degli omicidi da parte della polizia militare nel 2014 sono state esecuzioni “stragiudiziali”. “É preoccupante che le uccisioni da parte della polizia continuino ad essere quotidiane a Rio ed in altre città brasiliane. La risposta delle autorità resta insufficiente e le Comunitá e le altre zone povere continuano a pagare a caro prezzo “.

Fonte: http://m.br.rfi.fr/brasil/20160427-100-dias-das-olimpidas-favelas-vivem-clima-de-terror-diz-anistia-internacional

This post is also available in: Portoghese, Brasile

User Login